full screen background image

Un minuto di raccoglimento osservato ad Asolo in memoria di Eric De Vlaeminck, fratello di Roger, 7 volte iridato ciclocross.

Il belga aveva 70 anni, due in più del fratello. Dal 1966 al 1973 ha dominato il mondo del ciclocross, ma si distinse anche su strada: vinse una tappa al Tour 1968, un Giro del Belgio nel 1969, la Parigi-Lussemburgo del 1970, fu terzo alla Gand-Wevelgem del 1969, dietro al fratello Roger, mentre alla Freccia Vallone fu secondo nel 1969 e terzo nel 1970.

Se n’è andato uno dei grandissimi del ciclocross. È morto Eric De Vlaeminck, fratello maggiore del grande Roger: da tempo soffriva di Alzheimer e Parkinson. Era nato anche lui a Eeklo, e aveva 70 anni. Professionista dal 1965 al 1980, vinse sette titoli mondiali nel ciclocross: 1966 (ad appena 21 anni), 1968, 1969, 1970, 1971, 1972 e 1973. Fu poi terzo nel 1977. Più i titoli di campione del Belgio

Eric De Vlaeminck è stato c.t. del Belgio dal 1989 al 2002: eccolo con Mario De Clerq. Bettini

Eric De Vlaeminck è stato c.t. del Belgio dal 1989 al 2002: eccolo con Mario De Clerq. Bettini

del 1967, 1969, 1971 e 1972. Su strada non seppe eguagliare le gesta di Roger, ma riuscì ugualmente a raccogliere qualche vittoria significativa: le più importanti furono il Giro del Belgio 1969, la Parigi-Lussemburgo del 1970 e una tappa del Tour de France 1968. Nelle classiche del Nord, fu terzo alla Gand-Wevelgem del 1969, dietro al fratello Roger; alla Freccia Vallone fu secondo nel 1969 e terzo nel 1970.

eric-de-vlaeminckCommissario tecnico — Terminata la carriera agonistica, è stato c.t. della Nazionale del Belgio di ciclocross dal 1989 al 2002. E in questo periodo Eric De Vlaeminck è stato colpito dalla morte del figlio Geert, campione del Belgio dilettanti, nel 1993. “Éric non è stato soltanto uno dei migliori ciclocrossisti della storia. Come selezionatore della nostra federazione, è stato la base dell’ascesa folgorante del ciclocross belga nell’ultimo decennio”, ha scritto la federazione belga sul suo sito internet.

 

Fonte: La Gazzetta dello Sport